Il Progetto

COSTA DEI TRABOCCHI MOB è stato un progetto sperimentale promosso da Camera di Commercio Chieti Pescara, Regione Abruzzo, Provincia di Chieti, GAL Costa dei Trabocchi, Legambiente, Polo Inoltra – Trasporti e Logistica.

Finalità dell’iniziativa, che da luglio a settembre 2019 ha riguardato solo aree pilota, è stata quella di comprendere le potenzialità e gli effetti di una riorganizzazione della viabilità e mobilità sostenibile, per poi estendere il servizio a tutto il territorio delle province di Chieti e di Pescara con la digitalizzazione di tutte le tratte e la realizzazione di strumenti di info-mobilità. a partire dal 2020

La prima parte del progetto ha avuto come obiettivo quello di organizzare il territorio per una fruizione sostenibile del mare ed in particolare per: 

  • andare al mare senza auto (o limitarne l’utilizzo), anche in forma combinata: treno, autobus e bici; 
  • lasciare la macchina lontano dalla spiaggia, grazie all’uso di parcheggi scambiatori connessi a servizio bus o al noleggio di bici; 
  • raggiungere la Costa dei Trabocchi dai comuni in collina (e viceversa) con un servizio dedicato di bike-bus (autobus con il portabici). 

Il progetto ha fornito informazioni sui servizi di mobilità via treno e bus e la presenza di parcheggi da Francavilla al Mare a San Salvo, inclusi quelli che permettono l’intermodalità treno, autobus, auto e bici. 

La sperimentazione porterà alla proposta di un piano di viabilità e mobilità sostenibile per l’intero territorio delle province di Chieti e di Pescara con la digitalizzazione di tutte le tratte e la realizzazione di strumenti di info-mobilità. 

Elementi caratterizzanti il progetto sono stati: 

  • la Linea dei Trabocchi, iniziativa giunta alla seconda edizione, che incentiva la mobilità in e verso l’Abruzzo tramite linee bus con tariffe agevolate e con promozioni e sconti offerti dagli operatori turistici convenzionati; 
  • Le Bike-Station, grazie all’autorizzazione concessa da RFI – Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane a Legambiente Abruzzo per l’installazione di pannelli e punti per il noleggio promozionale di bici-trekking fornite dalla Camera di Commercio; 
  • I Trabocchi Watchers, studenti dell’ITS – Istituto Superiore della Mobilità Sostenibile MOST di Ortona – Polo Inoltra e coordinati dal GAL Costa dei Trabocchi, che cureranno il monitoraggio dei flussi di mobilità con interviste ai turisti.

La seconda parte del progetto, sulla base delle attività di sperimentazione e studio svolte nel 2019 e nel primo quadrimestre del 2020, si propone di mettere in campo per l’estate 2020 la prima edizione del sistema territoriale di mobilità sostenibile per il turismo ed il cicloturismo

Questo si fonda su due obiettivi:

  1. Abilitare il territorio all’esperienza cicloturistica

 È necessario dotare l’attuale sistema territoriale (una pista ciclabile sulla costa ed un sistema di                strade secondarie in collina) che oggi non consente una fruizione cicloturistica, se non guidata, di una gamma di fattori abilitanti l’esperienza cicloturistica 

  1. Attivare funzioni smart di mobilità sostenibile sulla costa come alternativa all’uso dell’auto

La sfida è quella di attivare una gamma di servizi combinata ad un efficiente sistema di comunicazione per soddisfare le esigenze di mobilità attiva dei turisti e rendere efficiente l’uso dei mezzi pubblici (tpl eventualmente rinforzato) e dei parcheggi di scambio.

Il progetto, seppure incentrato sul territorio della Costa dei Trabocchi, assume come contesto di riferimento anche l’area metropolitana Chieti Pescara